Il piano “Great Reset” del World Economic Forum grandi vantaggi per l’industria alimentari, non per le persone

Un articolo da leggere e meditare bene , per capire le trasformazioni che vogliono imporre al mondo queste corporate degli alimentari, che, con il grande sponsor World Economic Forum di Klaus Schwab, si propone d’essere un vero e proprio attentato alla salute e alla vita di ogni essere umano libero sulla terra; non dimenticatevi che dietro a tutta questa operazione di business alimentare, che si vuole accreditare come eco-compatibile e pro sostenibilità, ci sono ONG che in teoria reputiamo benefiche, come il WWF.
SaDefenza

Di Jeremy LoffredoSa Defenza

Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum. Foto di Heinz Tesarek

Il Great Reset riguarda il potenziamento  e mantenimento  corporate di una macchina per l’estrazione e la proprietà privata della vita“. – Vandana Shiva

Il Great Reset del World Economic Forum (WEF) include un piano per trasformare le industrie alimentari e agricole globali e la dieta umana. Gli architetti del piano affermano che ridurrà la scarsità di cibo, la fame e le malattie e mitigherà anche il cambiamento climatico.
Ma uno sguardo più da vicino alle corporate e ai think tank con cui il WEF sta collaborando per inaugurare questa trasformazione globale suggerisce che il vero motivo è un più stretto controllo delle corporate sul sistema alimentare per mezzo di soluzioni tecnologiche.
Vandana Shiva, studiosa, ambientalista, sostenitrice della sovranità alimentare e autrice, ha dichiarato a The Defender

Il Great Reset riguarda l’interesse delle multinazionali del Forum economico mondiale che controllano quanti più elementi della vita planetaria possano. Dai dati digitali che gli esseri umani producono a ogni boccone di cibo che mangiamo “.

Il WEF si descrive come “la piattaforma globale per la cooperazione pubblico-privato” che crea partnership tra corporate, politici, intellettuali, scienziati e altri leader della società per “definire, discutere e promuovere questioni chiave nell’agenda globale“.
Secondo il fondatore e presidente esecutivo del WEF, Klaus Schwab, il forum ha come obiettivo il posizionamento delle “società private come amministratori della società” per “affrontare le sfide sociali e ambientali“.
A luglio, Schwab ha pubblicato un libro di 195 pagine, “ COVID-19: The Great Reset “, in cui sfidava i leader del settore e i responsabili delle decisioni a “fare buon uso della pandemia non lasciando che la crisi vada sprecata“.
La rivista TIME (il cui proprietario Marc Benioff è un membro del consiglio del WEF) ha recentemente collaborato con il WEF per comprendere  Il Great Reset e fornire uno “sguardo a come la pandemia COVID-19 offre un’opportunità unica per trasformare il nostro modo di vivere“.
Il grande ripristino è pensato per essere onnicomprensivo. Le sue organizzazioni partner includono i maggiori attori nella raccolta di dati, telecomunicazioni, produzione di armi, finanza, prodotti farmaceutici, biotecnologia e industria alimentare.
I piani del WEF per il “ripristino” del cibo e dell’agricoltura includono progetti e partnership strategiche che favoriscono organismi geneticamente modificati , proteine ​​e prodotti farmaceutici fabbricati in laboratorio e prodotti chimici industriali come soluzioni sostenibili ai problemi di alimentazione e salute.
Ad esempio, il WEF ha promosso e collaborato con un’organizzazione chiamata EAT Forum. EAT Forum si descrive come una “Davos  alimentare” che intende “aggiungere valore al business e all’industria” e “impostare l’agenda politica“. *EAT è stata co-fondata da Wellcome Trust , un’organizzazione fondata con i fondi di GlaxoSmithKline e che ha ancora partnership strategiche con il produttore di farmaci. EAT collabora con quasi 40 amministrazioni cittadine in Europa, Africa, Asia, Nord America, Sud America e Australia. L’organizzazione assiste anche il Fondo delle Nazioni Unite per l’ infanzia ( UNICEF ) nella “creazione di nuove linee guida dietetiche” e nelle iniziative di sviluppo sostenibile.

Secondo Federic Leroy, professore di scienze alimentari e biotecnologie presso l’Università di Bruxelles, la rete EAT interagisce strettamente con alcune delle più grandi aziende di imitazione di carne, tra cui Impossible Foods e altre società biotecnologiche, che mirano a sostituire cibi sani e nutrienti con creazioni di laboratorio geneticamente modificate.

Lo considerano sano e sostenibile, il che ovviamente non è così né l’uno né l’altro“, ha detto Leroy a The Defender.

Impossible Foods è stato inizialmente co-finanziato da Google, Jeff Bezos e Bill Gates . Recenti risultati di laboratorio hanno mostrato che l’imitazione della carne della corporate conteneva livelli di glifosato 11 volte superiori rispetto al suo concorrente più vicino.
La più grande iniziativa di EAT si chiama FReSH , che l’organizzazione descrive come uno sforzo per guidare la trasformazione del sistema alimentare. I partner del progetto includono Bayer, Cargill, Syngenta, Unilever e persino il gigante tecnologico Google.

“Aziende come Unilever e Bayer e altre società farmaceutiche sono già trasformatori chimici – quindi molte di queste aziende sono molto ben posizionate per trarre profitto da questo nuovo business alimentare che ruota attorno alla lavorazione di sostanze chimiche ed estratti necessari per produrre questi alimenti fatti in laboratorio su scala globale scala “, ha detto Leroy.

Nel libro di Schwab, discute di come la biotecnologia e il cibo geneticamente modificato dovrebbero diventare un pilastro centrale per riparare i problemi di scarsità alimentare globale, problemi che COVID ha rivelato ed esacerbato .
Schwab scrive che: 

“la sicurezza alimentare globale sarà raggiunta solo se le normative sugli alimenti geneticamente modificati saranno adattate per riflettere la realtà che l’editing genetico offre un metodo preciso, efficiente e sicuro per migliorare le colture”.

Shiva non è d’accordo, e ha detto a The Defender che:

il WEF sta sfoggiando una scienza falsa” e “che il signor Schwab promuova queste tecnologie come soluzioni dimostrano che The Great Reset riguarda il mantenimento e il potenziamento di una macchina di estrazione delle corporate e la proprietà privata della vita“.

EAT ha sviluppato quella che definisce “la dieta per la salute planetaria “, che il WEF sostiene come la “soluzione alimentare sostenibile del futuro“. 
Ma secondo Leroy, è una dieta che dovrebbe sostituire tutto il resto, e dice:

“La dieta mira a ridurre l’assunzione di carne e latticini della popolazione mondiale fino al 90% in alcuni casi e la sostituisce con cibi, cereali e olio prodotti in laboratorio”.

Shiva ha inoltre spiegato:“La dieta proposta da EAT non riguarda affatto l’alimentazione, si tratta di grandi affari e si tratta di un’acquisizione aziendale del sistema alimentare”.Secondo gli stessi rapporti di EAT, è improbabile che i grandi aggiustamenti che l’organizzazione e i partner delle Corporation vogliano apportare al sistema alimentare abbiano successo se lasciati all’individuo, e i cambiamenti che desiderano imporre alle abitudini alimentari e al cibo della società “ richiedono una ristrutturazione a livello sistemico con interventi di politica dura che includano leggi, misure fiscali, sussidi e sanzioni, riconfigurazione commerciale e altre misure economiche e strutturali “.
Ma Shiva ha detto che questo è l’approccio sbagliato, perché “tutta la scienza” mostra che le diete dovrebbero essere incentrate sulla biodiversità regionale e geografica. Ha spiegato che “la dieta globale uniformata di EAT sarà prodotta con tecnologia occidentale e prodotti chimici per l’agricoltura. Per costringere poi nazioni sovrane tramite lobbying di multinazionali è ciò che io chiamo imperialismo alimentare “.

Note di SDSecondo il Forum, EAT: Contribuire all’innovazione e aggiungere valore al business e all’industria; Stabilire l’agenda politica; Sviluppare strategie per aumentare la conoscenza e la consapevolezza delle popolazioni; e pubblicare linee guida accademiche e per i consumatori. Il WWF sta lavorando con EAT e prenderà parte attiva all’evento, salvaguardando il mondo naturale e costruendo un futuro al pianeta.

Sa Defenza non ha alcuna responsabilità rispetto alle citazioni, informazioni pubblicate, i dati, le singole opinioni contenute in questo articolo.

Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali

1 thought on “Il piano “Great Reset” del World Economic Forum grandi vantaggi per l’industria alimentari, non per le persone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *