Il figlio di internet. Storia di Aaron Swartz

La storia di un’attivista per la giustizia sociale, conclusasi con il suo suicidio a soli 26 anni. Riflettendo sulla libertà di informazione nell’era digitale, il film celebra la figura di questo programmatore geniale trasformatosi in “Hacktivist”, il cui lavoro e impegno politico hanno rimodellato internet, il diritto d’autore e l’attivismo stesso. Aaron Swartz con il suo suicidio nel 2013, è diventato una sorta di martire per la causa della libertà di informazione, schiacciato dalla prospettiva di una possibile condanna a 35 anni di carcere per aver scaricato documenti accademici, con l’intenzione di renderli accessibili a tutti.

14.729 visualizzazioni – 5 mag 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *